D'Autore

Circuito regionale delle sale cinematografiche di qualità

Oggi in sala »
Chiudi

Oggi in sala

Provincia di Bari

Nessuna proiezione in programma.

Provincia di Brindisi

Nessuna proiezione in programma.

Provincia di Barletta-Andria-Trani

Nessuna proiezione in programma.

Provincia di Foggia

Nessuna proiezione in programma.

Provincia di Lecce

Nessuna proiezione in programma.

Provincia di Taranto

Nessuna proiezione in programma.
Chiudi
neve

Scheda e sinossi

La prima neve di Andrea Segre
Drammatico — 104' (Italia, 2013)
Con Jean Christophe Folly - Matteo Marchel - Anita Caprioli - Peter Mitterrutzner - Giuseppe Battiston

E’ l’attesa della ”prima neve”, quella che tutti in valle aspettano, quella che trasforma i colori, le forme, i contorni. Dani però non ha mai visto la neve. Dani è nato in Togo, ed è arrivato in Italia in fuga dalla guerra in Libia. È ospite di una casa di accoglienza a Pergine, paesino nelle montagne del Trentino, ai piedi della valle dei Mocheni. Ha una figlia di un anno, di cui però non riesce a occuparsi. C’è qualcosa che lo blocca. Un dolore profondo. Dani viene invitato a lavorare nel laboratorio di Pietro, un vecchio falegname e apicoltore della valle, che vive in un maso di montagna insieme alla nuora Elisa e al nipote Michele, un ragazzino di 10 anni la cui irrequietezza colpisce subito Dani…

trovacinema.repubblica.it

Trailer

La prima neve è stato proiettato nelle seguenti sale: Il Piccolo Cinema, Metropolis Multisala.

Critica

M. Triolo

è un film urgente e ipnotico, in cui gli spazi desolati della Valle dei Mocheni sottolineano l'isolamento e la solitudine di un gruppo di protagonisti impegnati nel tentativo di superare le barriere date dalle proprie peculiarità, per arrivare a un punto d'incontro, a comprendersi e crescere insieme. (...)domina il silenzio delle vallate trentine, e questo si traduce in dialoghi ridotti all'osso ma davvero efficaci.

Tratto da film.it

«Film di rara bellezza che racconta "uno spaccato umano disegnato con grazia e sensibilità»
A. Levantesi Kezich
La Stampa
«(…) tracciati sinuosi e mai ovvi. In un dialogo che abbraccia natura e rivolta, arte e desiderio di fuga. Tenendo sempre ben a fuoco lo sfondo e le figure in primo piano, come pochi oggi sanno fare.»
F. Ferzetti
Il Messaggero

Pubblico

Nessun giudizio del pubblico.

Facebook

    Twitter

    Feed